+ Reply to Thread
Page 1 of 5 1 2 3 ... LastLast
Results 1 to 10 of 46

Thread: [teoria finale]Il Vero Significato Di Lost

  1. #1
    Join Date
    Oct 2007
    Location
    SkYpeA
    Posts
    997

    Lightbulb [teoria finale]Il Vero Significato Di Lost

    prendo spunto da commenti di altri utenti su altri siti

    non sono tutti morti…christian dice a jack che alcuni sono morti (locke, shannon, ecc.) altri moriranno molto dopo di lui…ma sull’isola…non e’ che in quella realta’ siano morti….in effetti non e’ morto nessuno nell’alt…
    Esatto Christian Shepard lo dice al figlio nell' alt, tutti sono morti in momenti diversi, chi subito tipo Boone chi alla fine tipo jack, chi deve ancora morire come Hugo che continua a vivere sull'isola, chi come Miles che lascia l' isola e morirà tra, chi lo sà, 50 anni

    la realta’ dell’isola e l’alt sono separate ma loro si ricordano…tutto qui…perche’ cio’ che conta sono le persone con le quali hanno vissuto certe esperienze…non importa dove sei e quando sei ma con chi sei….questa e’ la fine di Lost…
    Collegato a prima, non importa quando muori, prima o poi si muore l' importante è con chi hai vissuto e le esperienze che ti ricordi

    we have to leave, christian spiega che vuol dire “bisogna lasciare andare” cioe’ lasciar perdere, nel senso di non rimanere attaccati a cose che non contano, ma solo le persone contano…
    Nell Alt, nella post morte limbo,purgatoriuo, chiamatelo come volete si vive una sorta di seconda vita fino a quando non si è pronti al trapasso, fino a quando non si è condotti alla Luce bianca da un pastore (Crhistina Shepard nella chiesa che apre la porta e compare la luce bianca)

    Anche secondo me è così… ma Eloise quanto mi ha fatto pena quando chiede a Des di non portare anche suo figlio??? Piango ancora…
    Eloise è sempre stato un personaggio Emblematico un giorno morirà anche lei a nell'alt non è prona al trapasso finchè riesce a "vivere una vita" assieme al figlio che ha ucciso, molto probabilemente quando il figlio farà il trapasso lei lo seguirà nella luce bianca

    secondo me l’alt è si una specie di limbo….ma nella quale ognuno vede le cose come sarebbero dovuto andare..jack è un bravo padre..sawyer non è un criminale….daniel non ammazza la sua assistente..kate è innocente..
    una specie di” quello che vi siete persi” o se preferite “what you LOST for”
    Appunto, come per Eloise Jack nell alt è un Buon Padre, James un poliziotto, Kate non è una fuggitiva, Juliet un medico, Faraday è un musicista ecc... nella "post morte" vivono un esperienza felice fino a quando riusciranno a capire il senso della vita e da li riusciranno a fare il trapasso

    Jack e’ l’ultimo a ricordare perche’ e’ uomo di scienza e in fondo sa di essere morto…sull’isola…ma christian gli dice che deve “lasciarsi andare” e ” andare avanti”…
    Spiegato anche perchè nell alt è l'ultimo Jack a capire il momento del trapasso

    stranamente tutti i losties hanno la stessa eta’ che avevano sull ‘isola, nessuno e’ piu’ vecchio..anche se avevano 80 anni quando sono morti…
    Perché è così che si sono conosciuti i Losties, è un topos del cinema e della narrativa, come appunto Le Stagioni del Cuore o Titanic. Rose muore ultranovantenne eppure “torna” sul Titanic all’età in cui vi era stato il naufragio.
    L'alt è una visione di jack, come dice il Pastore Crhistian per Jackil momento + importante per Jack è la vita sull'isola per cui nell'alt tutti hanno l'età che avevano a quel tempo, sia quello che erano già morti, sia quelli che devono ancora morire...
    Alt e real life si possono definire per semplificare, una consegeunte all'altra ma non direttamente successive una rispetto l'altra, ossia uno muore nella REAL life e va nella ALT life dopo x tempo, tempo necessario per far morire tutti gli altri personaggi...

    la differenza di tempo non è percepita da jack, al quale pare tutto continuo

    Credo che la scienza sia stata solo uno dei tanti modi usati dall’uomo per cercare di spiegare l’isola. Così come prima gli egiziani ci costruiscono una statua, dopo l’uomo moderno vede alcuni fenomeni filtrandoli attraverso delle formule.
    Concordo al 100% l'isola è sempre esistita, molte civiltà sono passate per essa, prima gli egizioni con la costruzione dei templi e statua, prima di loro chissà chi, dopo di loro romani, dopo richard e i tipi del 800, poi il periodo Dharma e di Danielle infine quello dei nostri LOSTIES, dei nostri PERDUTI, dopo di lorò chissà chi, il nuovo jacob-jack-hugo... Una storia infinita, con nuovi candidati e sostituti

    cmq si’, esatto ma anche ascoltando m.fox nelle sue interviste fa capire che non ha importanza se sono morti quando l’aereo si e’ schiantato, sull’isola o chissa’ dove e quando…conta solo il messaggio, cioe’ che la cosa importante nella vita sono le persone con le quali l’abbiamo condivisa (non sono parole mie, ma di M.Fox..)
    come detto prima

    il problema qui e’ che gli autori ancora una volta hanno dato un finale che non e’ una risposta, va interpretato e le interpretazioni non possono essere mai uguali. la maggior parte dei post opta per il purgatorio…ma io posso dire che quando ho visto la puntata l’ho vista piu’ come una metafora: christian shepard il pastore che riunisce tutte le pecorelle smarrite (lost appunto) e le guida (in senso figurato)attraverso la luce, mostra loro appunto questa luce che potrebbe essere il bene, la verita’, l’amore…e questa luce non porta per forza nell’aldila’ ma ad una consapevolezza (secondo me sempre…)…alla fin fine il segreto di lost era nel nome del padre di jack…!
    come dicevo prima tutto è legato a Shepard il Pastore unico morto che viene portato sull' isola (tranne locke) che nell'alt (definiremo cosi ora in poi visione di jack) è vivo, il pastore che apre la mente al figlio, uomo di scienza ormai convertito, pastore che fa fare il trapasso a chi è ormai pronto a morire per sempre

    Concludo
    Hai ragione: l’attenzione di molti si è concentrata sull’isola e i suoi misteri, mentre il vero cuore dello show erano le persone e le loro relazioni. In realtà non era una serie di oggetti ma una serie di esseri umani…e forse è per questo che l’abbiamo tanto amato.

    Ecco infine perchè non ci hanno dato risposte, perchè è stato un inganno degli autori farci credere che tutto è importante, che i dettagli sono importanti, ma in realtà nulla di questo è importante, importa solamente come e con chi hai vissuto...
    Cosa cambia sapere chi ha costruito la statua e quando? cosa cambia sapere perchè walt è sparito? cosa cambaino tutti queste risposte al significato di LOST? nulla, come detto l'importante , il significato della vita è la vita vissiuta e le persone che ne hanno fatto parte
    Last edited by SpaRtAnO-[v]; 05-24-2010 at 02:44 PM.
    See You In Another Life, Brotha
    Good Bye Lost

  2. #2
    Join Date
    Aug 2009
    Location
    Altrove
    Posts
    302

    Default

    Mi spiegherò meglio, ma... No, non mi basta e mi interessa eccome sapere dove sia Walt, se sia mai nata la figlia di Sun e Jin e dove si trovi, se Aaron è stato rapito da un maniaco perché la nonna non ha creduto a Kate, mi interessa sapere perché Walt faceva schiantare i piccioni, ad esempio, e Charlie Widmore?
    Sono sei stagioni, non le si chiude con la luce bianca se le questioni non vengono risolte, anche a livello umano (vedi la questione della prole vera o presunta tale) e quindi... O ciascuno ha la sua ALT e Jack se la figura così, mentre ognuno vive la propria?
    Potevano pure fare qualcosina di meglio, no?
    Mi andava pure che ALT diventasse la "realtà" e l'Isola sprofondasse, sarebbe stata una cosa meno... Boh... Se vogliamo pure scontata (il Limbo/Purgatorio alla fine c'è) di 'sta fine.
    "State cercando il segreto,ma non lo troverete perché in realtà non state davvero guardando, non volete saperlo, volete solo essere ingannati."

  3. #3
    Join Date
    Oct 2007
    Location
    SkYpeA
    Posts
    997

    Default

    come ho scritto per me questa è quella di jack, il perchè?

    Perchè è lui il personaggio + importante, il personaggio che si è sacrificato per salvare gli altri
    Ultimo e primo personaggio che vediamo il lost, quindi questa è L'alt di Jack, o meglio come scritto prima La Visione Di Jack

    se ti interessano le ripsoste alle domande hai sbagliato telefilm, come scritto prima il significato di lost non sta nelle ripsote ai misteri, i misteri sono solo "esce" che distolgono lo spettatore dal vero significato del telefilm: le esperienze della propria vita, come confermato dalla puntata finale...

    Il che è un paradosso, ma come ogni paradosso ha la sua logica, sempre ci siamo chiesti perchè non davano risposte ed ora hai una risposta, perchè le risposte non c'entrano nulla, what happened, happened..

    ciò che è stato è stato
    Last edited by SpaRtAnO-[v]; 05-24-2010 at 03:20 PM.
    See You In Another Life, Brotha
    Good Bye Lost

  4. #4
    Join Date
    Aug 2009
    Location
    Altrove
    Posts
    302

    Default

    Nel senso: noi vediamo quella Jack o esiste solo quella di Jack?
    La prima ipotesi può passare, la seconda è una forzatura...
    "State cercando il segreto,ma non lo troverete perché in realtà non state davvero guardando, non volete saperlo, volete solo essere ingannati."

  5. #5
    Join Date
    Oct 2007
    Location
    SkYpeA
    Posts
    997

    Default

    esatto noi vediamo quella di Jack, dato che
    Quando cade l'aereo: Vediamo Jack per primo
    Quando finisce Lost: vediamo Jack Morire
    Jack prende il posto di Jacob, si sacrifica muore, e ci fanno vedere la sua Visione, la sua Alt, esperienza di "Post Morte" esperienza che "vive" per capire quello che ha combinato di buono nella sua vita, per capire cosa sia stato importante nella sua vita,

    Lo capisce, capisce che è stata L 'isola, Per questo i personaggi che vede Jack nella sua Visione/ALT/Sogno hanno l'età di quando era lì...
    Tutto finisce quando Jack capisce quello che è stata la sua vita,e una volta giunto alla conclusione: va verso la luce bianca indicatagli dal pastore/padre Shepard
    See You In Another Life, Brotha
    Good Bye Lost

  6. #6

    Default

    x quanto ho cpt io...
    ognuno muore prima o poi,( c'è chi è morto sull'isola, chi morirà dopo) ma fino a quando sarà in vita saprà qeullo che è successo ( vedi kate che dice a jack " quanto mi sei mancato"). Una volta morti i personaggi non ricordano più ma hanno bisogno di qualcosa x ricordare...eentrare in contatto con chi è stato veramente importante in questo modo si possono ricongiungere come dice cristian con " conta con chi hai vissuto" e "si muore insieme" dal punto di vista che il "trapasso" si fa insieme... quindi come detto giustameten sopra probabile che ci sia chi è morto 100 anni è ha dovuto aspettare che tutti gli altri "importanti con chi ha vissuto " non solo morissero ma anche si rendessero conto " ricordando"... non so se ho cpt qualcosa male ... se qualcuno ha qualche appunto da fare sarei felice di saperlo...

  7. #7

    Default

    Bah..io rimango dell' idea che non sia una sola visione di Jack ma una cosa più collettiva..Jack non sa di ogni persona cosa vuole,non può vedere magari realizzati a certe persone sogni che neanche si immagina(forse)..

    Il finale mi è comunque piaciuto...ma un paio di settimae fa mi ero rivisto DejaVu e davvero mi sembrava direttamente collegato a questa stagione, soprattutto la scena della panchina tra Desmond ed Eloise...pensavo finisse riprendendo qualche punto di quella puntata..tutto qui...

  8. #8
    Join Date
    Mar 2009
    Posts
    120

    Default

    Alla fine l'AR sembra essere il tanto decantato "purgatorio" che fu forse la prima teoria nata su Lost.
    In questa AR i personaggi hanno una seconda possibilità, alcuni hanno un pentimento (vedi Ben) e possono trovare la felicità che mancava nella loro vita.

    Come tale, il purgatorio non esiste per una persona o per l'altra...è un'entità a sè dove tutti si incontrano. Come fanno queste persone a "creare" un luogo simile? Beh, non pensiamo a Matrix qui si parla di concezioni filosofiche ben più grandi.

    Ma, come ho detto nel thread in cui paragono Lost a "Il Prigioniero" io penso che tutta la storia dell'isola, per quanto assurda, incredibile, piena di domande irrisolte e incongruenze, non è altro che la rappresentazione simbolica della vita.
    Ognuno di noi si trova a interagire con persone che non conosce, stringe legami, inizia battaglie, grazie a loro ha una crescita interiore e prosegue un cammino, che non sempre ci porta a quello che speravamo (a volte va peggio, a volte meglio).
    Pensate alla vostra vita: l'idea di un fumo nero che uccide la gente vi sembra più inspiegabile del fatto che, rispetto a un anno fa, vi troviate a frequentare persone completamente diversi?
    L'idea di un aereo che getta viveri da chissà dove, vi pare più strana del fatto che la vostra donna l'abbiate conosciuta quasi per caso (e sarebbe bastato pochissimo per non conoscerla affatto)?
    E di tutte queste situazioni nessuno vi darà mai una spiegazione...dovete accettarle; poi potete pensare che siano coincidenze o sia il destino.
    Sta a voi credere ad una o all'altra cosa: la scelta è solo vostra

  9. #9
    Join Date
    Jan 2010
    Location
    Under the big foot, from the North to the South
    Posts
    1,737

    Default

    Se la Alt è l'anticamera del Paradiso, o comunque della separazione dal mondo reale dopo la morte, ecco perché Eloise dice a Desmond di aspettare, perché non è ancora pronto...non è pronto a passare oltre, infatti Desmond non muore per la scarica micidiale che Widmore gli propina, ma si risveglia...io non so, non credo che Desmond si sia reso conto che quello che ha visto era oltre la vita, probabilmente avrà pensato (come noi) a una flashsideway: another life.
    Non sono sicura nemmeno che l'assunzione di coscienza dei losties nella ALT sia precedente al passaggio definitivo verso la luce, perché in questo caso le anime dovrebbero"passare" tutte insieme in quella chiesa, non solo Jack...
    Insomma, c'è qualcosa di non chiaro, ma l'episodio è stato così emozionante che non mi preoccupo molto delle eventuali incongruenze.
    “Potrei essere rinchiuso dentro un guscio di noce e tuttavia sentirmi re dell’infinito spazio”.
    (Shakespeare, l'Amleto)

  10. #10
    Join Date
    Mar 2009
    Posts
    120

    Default

    Quote Originally Posted by NamasKey View Post
    Se la Alt è l'anticamera del Paradiso, o comunque della separazione dal mondo reale dopo la morte, ecco perché Eloise dice a Desmond di aspettare, perché non è ancora pronto...
    Da notare che Ben decide di aspettare fuori dalla chiesa. Tutti noi probabilmente abbiamo pensato che stia aspettando Danielle e Alex. Forse, invece, ha ancora qualcosa da imparare, essendo stata la sua vita passata la più "cattiva" di tutti i Losties.
    In ogni caso il dialogo finale tra lui e Locke è stato magnifico. Come sempre, del resto...quei due sono una garanzia.

+ Reply to Thread

Bookmarks

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
Bitcoin Donations: 14XbHWbqCVnZ1fUVeFaEXPn1Jezu5ngH5w